atelier sur la butte sandwiche copia

foto: atelier per i bambini del quartiere di Cissin su tecnica “butte sandwich”

e patriche agro-ecologiche presso La Jardinière in occasione di TERRA MADRE Burkina Faso

Ougadougou, Burkina Faso. Dopo un anno dalla fine del nostro progetto RASA/BF- Rete d'Acquisto per la Sicurezza Alimentare in Burkina Faso co-finanziato dalMinistero degli Affari Esteri MAECI, dove abbiamo rovesciato l’approccio alla sicurezza alimentare, che vede la fase produttiva come la fase piu’ importante per la disponibilità del cibo, valorizzando la trasformazione e commercializzazione dei prodotti, e scommesso nella realizzazione di un ristorante la Jardinière, per rilanciare la tradizione culinaria burkinabé con la preparazione di piatti locali arricchiti da ortaggi locali, prodotti da contadini con metodo biologico, che apportano valore nutritivo alle ricette tradizionali. A dalla inaugurazione il 5 dicembre del 2015, in presenza di Bruno Gentile, Direttore dell’ Ufficio per la Cooperazione italiana in Burkina Faso e con l’alto patrocinio del Ministero della Promozione delle Donne locale, la Jardinière è aperta e sempre più frequentata.   

Il ristorante pedagogico comunitario, realizzato da RASA è diventato una realtà a Cissin, quartiere popolare della capitale Ougadougou del Burkina Faso. Filiera corta, alimentazione sana e socialmente utile con servizio mensa e attività ludico-didattiche per i bambini del quartiere su pratiche agro-ecologiche. La Jardinière ha una clientela affezionata, mediamente 100 unità al giorno, costituita da perone del quartiere, ma anche da ouagalesi ed espatriati che vogliono mangiare sano, con gusto burkinabé, ed ad un prezzo equo. Lo scorso febbraio i membri di Slow-Food International, durante la prima edizione di Terra Madre in Burkina Faso, hanno potuto gustare i piatti buoni sani e giusti della Jardinière.

La scommessa fatta di Tamat è stata vinta. La Jardinière ha vissuto un anno senza progetto e ora è pronta a rilanciare.

Ascolta il podcast dell’intervista con Piero Sunzini, Direttore Tamat Ong, su Periferie/Radio Popolare

 

 

Usiamo cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.