pdfBilancio 2016

pdf Bilancio 2015

pdf Bilancio 2014

pdfBilancio 2013

pdf Bilancio 2012

pdf Bilancio 2011

 

 

 

NewsGAS 2gen2017 copia

(nella foto da sinistra: Chiara Allegri membro del G.A.S., Silvia Della Croce dell'Azienda Agr. Orto di Gaia,

e Domenico Lizzi membro del G.A.S. e responsabile del progetto Social Start Ups)

Il primo Gruppo di Acquisto Solidale (G.A.S.) del centro storico di Perugia: un progetto in evoluzione

Tutto è nato all’interno del progetto Erasmus+SocialStartups, che vede Tamat Ong come capofila e come partner la Facoltà di Social Business della Plymouth University (UK), la prima università al mondo ad aver ricevuto il Social Enterprise Mark per il suo contributo e impegno in ambito imprenditoria sociale, innovazione e creatività, il Parco Tecnologico 3-A, il Comune di Verteneglio (Croazia) e l’ONG Amsed (Francia).  L’obiettivo del progetto è quello di sviluppare, testare e validare una metodologia d’apprendimento per adulti sperimentando i Gruppi di Acquisto Solidale (G.A.S.) come veri e propri laboratori per l’acquisizione di competenze chiave. I “membri” del G.A.S. in Via della Viola si sono ispirati all’esperienza positiva dei G.A.S. umbri quali GASpiterina e GASTezio, dove alla spesa a km0 dal produttore al consumatore con risparmio e qualità, si unisce il valore relazionale, sociale più vicino al modello dell’alveare, dove si crea e anima una comunità di consumatori e produttori.

Il modello del G.A.S. del centro storico di Perugia, si basa su una piattaforma web dove la domanda intesa come comunità di consumatori che gravita principalmente intorno alla città di Perugia, incontra l’offerta di piccoli produttori locali scelti dai “membri” del G.A.S. sulla base di criteri legati alla piccola produzione e alla valorizzazione del territorio. Ci si iscrive on line, si scorre la lista dei prodotti disponibili (formaggi e yogurt dell’Azienda Agr. Solana, le uova di Luigi Emiliani, il pane speciale di Giampaolo Orioli, frutta, verdure e ortaggi di Silvia Dalla Croce - Orto di Gaia e Lorenzo Calzuola) e si ordina. Ogni mercoledì si passa a ritirare la spesa a Braccia Rubate, officina creativa dell'ass. Fiorivano le Viole e di Tamat ONG Via Cartolari, 4 – Perugia, che si trasforma per l’appuntamento settimanale in un vero e proprio “mercato temporaneo” nel cuore del centro storico di Perugia. I “membri” attivi del G.A.S. si riuniscono settimanalmente per allargare la rete sociale del progetto andando sul territorio incontrando produttori e produttrici, facendo conoscere il progetto a livello locale. E dal mese di gennaio si aggiunguno altri prodotti alla lista: birre artigianali, vini, farine e legumi.

La piccola e media dimensione

Siamo abituati a pensare che le economie di scala possano avere indiscussi vantaggi in quanto capaci di offrire prodotti e servizi a costi contenuti per il singolo individuo e per la società. L’agricoltura quale attività complessa dell’agro-ecosistema in tutte le sue scale (colturale, territoriale e aziendale), puo’ essere sostenibile se orientata verso la flessibilità, la multifunzionalità capaci attraverso la valorizzazione della piccola e media dimensione di salvaguardare la biodiversità, il lavoro umano e le relazioni. Questo l’approccio alle linee guida a cui si ispira il Gruppo di Acquisto Solidale in Via della Viola per una sostenibile organizzazione e gestione delle sue attività.

Fucina di innovazione e impresa sociale

Il progetto del Gruppo di Acquisto Solidale (G.A.S.) per il centro storico di Perugia ha nel suo DNA uno scopo ben più ampio, che vede coniugare la ricerca sui nuovi modi di acquisto e vendita diretta dove produttori e consumatori si incontrano, alimentando da un lato il bisogno di fiducia di chi acquista e dall’altro la necessità di conoscere le esigenze dei clienti per chi produce e vende, e quello di incubatore di impresa sociale. All’interno del G.A.S. alcuni dei membri stanno sperimentado e testando idee di impresa sociale partendo anche da un profondo recupero della multifunzionalità dell’agricoltura, che offre interessanti possibilità per interventi di educazione alimentare, di riduzione degli sprechi e di riavvicinamento culturale con la campagna.

Per maggiori informazioni sulle attività del G.A.S. puoi scrivere all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Usiamo cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.