pdfBilancio 2016

pdf Bilancio 2015

pdf Bilancio 2014

pdfBilancio 2013

pdf Bilancio 2012

pdf Bilancio 2011

 

 

FREEDOMOFMOV copia

 

foto:da FREEDOM OF MOVEMENT degli artisti Nina Fischer e Maroan el Sani

Nel titolo un riferimento all’opera FREEDOM OF MOVEMENT degli artisti Nina Fischer e Maroan el Sani una video installazione presentata in questi giorni ed in anteprima al MAXXI che attraverso la rivisitazione della memorabile maratona olimpica di Roma , più di 50 anni fa, dove un maratoneta quasi sconosciuto di nome Abebe Bikila parte dall’Etiopia per partecipare alla maratona olimpica a Roma e percorre scalzo 42km in due ore e 15 minuti segnando un nuovo record mondiale e diventando cosi’ un’icona dello sport e il simbolo dell’Africa liberata dal colonialismo. La storia di Bikila si confronta nell’opera commissionata e coprodotta dal MAXXI, col tema delle grandi migrazioni e degli spazi destinati ad accoglierle. L’opera parla di sport, architettura, immigrazione, ma sopratutto allude all’immagine del movimento – quello del giovane rifugiato che attraversa Roma a piedi nudi come Bikila – come metafora di conoscenza e integrazione.

La sfida, come nel caso dell’opera artistica FREEDOM OF MOVEMENT, e’ 'riportare con nettezza la corsa e il movimento dentro il punto di vista della realtà'. Questo quello che proponiamo agli studenti del Dipartimento di Scienze Politiche dell’ Università degli Studi di Perugia che oggi con lo staff di Tamat Ong iniziano un cammino di osservazione ed esplorazione. Cammino come forma di movimento e pratica di conoscenza che si alimenta di storia, cultura, e politica dentro il nuovo sistema della cooperazione allo sviluppo, chiamato a svolgere funzioni e realizzare interventi per promuovere una crescita economica in modo equo, solidale e sostenibile.

Cinque incontri a partire da oggi giovedì 23 marzo fino a giovedì 11 maggio  per i Giovedì della Cooperazione con un seminario dedicato al tema “Occupazione in Cooperazione Internazionale” previsto per giovedì 6 aprile presso l'AULA S1 Area Studi Sociali Uni PG a partire dalle 14:45, con contributi tra  gli altri di Céline Camon, Africa e Affari e Adrien Cleophas Dioma del Consiglio Nazionale per la Cooperazione allo Sviluppo del MAECI.

Uscire dalla strade battute e provare a percorrere nuove rotte per lo sviluppo attraverso forme di integrazione e di collaborazione a livello locale e territoriale. 

Buon cammino!

Usiamo cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.