Home > news > “Bara Ni Yiriwa, Lavoro e Sviluppo in Mali”: i risultati concreti per i 600 beneficiari agricoli del progetto

Il progetto è “BARA NI YIRIWA  – Lavoro  e  Sviluppo  in Mali” (CUP F76J20000110008 – MINTIN_RELINT 2019), coordinato  da  Tamat,  finanziato  dal  Ministero  dell’Interno  italiano (Dipartimento  per le  Libertà  Civili  e l’Immigrazione), Regione Marche, Chiesa Valdese; in  collaborazione  con  Fondazione  ISMU, il Centro di  Ateneo  per la  Solidarietà  Internazionale  (CESI)  dell’Università  Cattolica  del  Sacro  Cuore  (UCSC), l’Haut Conseil des Maliens des Maliens à l’Extérieur – Italie (H.C.M.E Italie), Caritas Mali e ONG Le Tonus (Mali,  controparte  locale), .

“Bara Ni Yiriwa” sta favorendo lo sviluppo socio-economico e la creazione di opportunità di lavoro attraverso la formazione professionale, lo sviluppo agricolo, l’imprenditorialità e il contrasto all’esodo migratorio.

Ecco i risultati concreti: nei quattro villaggi dei comuni beneficiari delle attività agricole, Kambila e Yélékébougou, ad oggi tutti i 600 agricoltori beneficiari del progetto Bara Ni Yiriwa hanno beneficiato della formazione tecnica su agroecologia. Non solo, Hanno beneficiato di alfabetizzazione finanziaria di base, formazione circa la creazione e la gestione di una AGR agricola, hanno ricevuto un kit di utensili agricoli e le sementi necessarie per il lancio delle attività orticole. Inoltre, è stato erogato, sulla base dei loro bisogni, il sostegno finanziario attraverso il micro-credito a tasso agevolato e senza la richiesta di garanzie, necessario al passaggio ad un’agricoltura ecologica e sostenibile con l’uso e l’applicazione del metodo della butte sandwich.

Denisa Savulescu, Responsabile Paese Tamat Mali, ci racconta:

“L’entusiasmo dei beneficiari è davvero straordinario. Abbiamo favorito, e continueremo a farlo, l’accesso alle risorse idriche, agli attrezzi agricoli, al credito, alla formazione, promuovendo sempre la sostenibilità ambientale. Siamo veramente soddisfatti per l’approccio bottom-up partecipativo, rafforzato dalla formazione Peer-to-Peer, che continua a coinvolgere non solo i beneficiari, ma anche e soprattutto i partner in loco e i principali attori istituzionali. Questo è per Tamat il senso profondo della cooperazione a tutte le latitudini.”

Villaggio di Fanafiecoro, beneficiari
Villaggio di Fanafiecoro, metodo della butte sandwich
Villaggio di Fanafiecoro
Villaggio di M’Piebougou
Villaggio di M’Piebougou
Villaggio di M’Piebougou
Villaggio di Fansiracoro
Villaggio di Fansiracoro
Villaggio di Fansiracoro
Villaggio di N’ Golofala
Villaggio di N’ Golofala
Villaggio di N’ Golofala

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi