Il 18 ottobre presso il centro Chbedda Tamat e l’OEP hanno tenuto una giornata di formazione e di scambio di idee per il personale operativo del progetto SELMA in merito all’allevamento avicolo e cunicolo.

In particolare, il personale di Tamat in Tunisia, nella figura di Madame Naziha Dridi (Direttrice di Tamat Tunisia) e Sasha Scozzafava (Agronomo di Tamat), hanno presentato ai tecnici dell’OEP il lavoro svolto fino ad ora in ambito zootecnico con le attività del progetto. Infatti, grazie all’introduzione dei concetti dell’agroecologia, per il comparto avicolo è stato realizzato un sistema di allevamento ecologico che prevede l’accesso continuo al pascolo da parte degli animali e un’alimentazione totalmente biologica utilizzando le produzioni agricole del centro (cereali e orticole). Oltre a ciò, è stata progettata un’area di pascolo con il principio dei sistemi agro-silvo-pastorali, nella quale coesistono specie erbacee (erba medica ed essenze spontanee), arbustive (lavanda, rosmarino, salvia e pelargonio) e arboree (olivo e mandorlo). Un pascolo di questo tipo non solo rappresenta una fonte di cibo importante per l’alimentazione degli avicoli grazie alla componente erbacea, ma garantisce anche la possibilità da parte degli animali di espletare le proprie esigenze comportamentali (appollaiarsi sui rami alti) grazie alla presenza delle essenze arboree ed arbustive, nonché la possibilità di trovare riparo dal sole durante la stagione estiva. Inoltre, per quanto riguarda l’allevamento cunicolo sono stati presentati gli interventi di ristrutturazione del fabbricato che ospita gli animali, di rinnovamento delle gabbie e di miglioramento genetico della razza locale preesistente grazie a degli incroci con razze performanti.

In seguito, la giornata si è conclusa in aula con un momento di condivisione e di formazione insieme ai tecnici dell’OEP, in particolare Monsieur Kais Jammali ha fornito delle nozioni tecniche importanti in merito all’allevamento dei pulcini e Madame Rania Ben Romdhane ha parlato in maniera dettagliata della cunicoltura.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi