pdf Bilancio al 31.12.2017

pdfCertiificazione Bilancio 2017

 pdfContributi Ricevuti dalle Pubbliche Amministrazioni Anno 2017

 pdfBilancio 2016

pdf Certificazione Bilancio 2016

pdf Bilancio 2015

pdf Certificazione Bilancio 2015

pdf Bilancio 2014

pdfBilancio 2013

pdf Bilancio 2012

pdf Bilancio 2011

 

 

IMG E3474

Siamo pervasi da una costante rimozione della morte, da una collettiva indifferenza e incapacità di usare l’empatia nei confronti degli altri. Le prime vittime di tutto ciò sono i più deboli, le persone emarginate, coloro che non hanno mezzi e modi per difendersi e creare una nuova narrazione: migranti, Rom, in generale tutte le minoranze, ma anche tutte e tutti coloro che cercano di contrastare discorsi e azioni xenofobe, razziste, populiste: vale a dire le ONG, le associazioni di volontariato che si impegnano quotidianamente nel rispetto dei principi fondamentali della Dichiarazione dei Diritti Umani del 1948, della Convenzione Europea per la Salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà Fondamentali del 1950, nonché e soprattutto dei principi di solidarietà sanciti dalla Costituzione della Repubblica Italiana, i singoli cittadini e cittadine che si sentono schiacciati e impotenti di fronte a tale odio”: estratto della prima nota ufficiale di “Umani sopra-tutto”.

Poche righe che spiegano cosa ha spinto 35 associazioni della Sardegna a mettersi in rete, per contrastare il razzismo, l'esclusione sociale, l'omofobia e i linguaggi d'odio; a dare il via a una campagna contro la de-umanizzazione.

De-umanizzazione”, proprio così, perché, si legge sempre nella nota: “I fatti di cronaca nazionale ed internazionale stanno evidenziando una crescente intolleranza nei confronti dei "diversi da noi" che, se non arginata, può portare ad un processo di "de-umanizzazione" dell'altro: lo straniero, il disabile, l'omosessuale, il povero e tutti i soggetti deboli. Il linguaggio sta divenendo sempre più aspro e anche coloro che dovrebbero demarcare un confine non superabile, come giornalisti, informatori, politici, personaggi pubblici, spesso utilizzano frasi e termini che travalicano questo limite, creando veri e propri discorsi d'odio”.

Cos'è quindi “Umani sopra-tutto”?

Associazione Acos, Action Aid, AGEDO, AIFO, Associazione Alisso, Anpa Sardegna Onlus, ANPI, Amici di Sardegna, Amnesty International Sardegna, ARC, ARCI, A.S.A.R.P., A.SE.CON Amici senza confini ong, Associazione Cooperazione e confronto Onlus La CollinaAssociazione nazionale Them Romano onlus, Associazione Zoe - progetto antispecistaBanca Etica, Casa Emmaus, Chiesa Evangelica Battista, CO.SA.S., Emergency, Associazione Eutropia, F.I.C.C., Genti de mesu - mediatori di Pace Sardegna, Gruppo Umana Solidarietà GUS, Il giardino di Clara, KaraLetturaLiberos, Los Quinchos, Mani Tese, Movimento Omosessuale Sardo, Noi donne 2005, Oscar Romero, Philia aps e Rete Radiè Resch - Cagliari che si uniscono per dire no a ogni forma di discriminazione e contrastare l'insofferenza e l'indifferenza. Sono 35 organizzazioni che si uniscono per restare umani.

https://www.youtg.net/v3/in-sardegna/9969-in-sardegna-nasce-la-rete-contro-razzismo-e-omofobia-35-associazioni-insieme

http://www.lanuovasardegna.it/cagliari/cronaca/2018/08/05/news/nasce-umani-sopra-tutto-la-rete-sarda-contro-la-deumanizzazione-della-societa-1.17126323

https://www.unicaradio.it/wp/2018/08/umani-sopra-tutto-la-campagna-sarda-contro-la-de-umanizzazzione/?utm_content=buffer4a389&utm_medium=social&utm_source=facebook.com&utm_campaign=buffer

http://www.sardiniapost.it/cronaca/no-allodio-alla-discriminazione-nasce-nellisola-la-rete-umani/

Usiamo cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.