pdfContributi Ricevuti dalle Pubbliche Amministrazioni Anno 2017

pdfBilancio 2016

pdf Bilancio 2015

pdf Bilancio 2014

pdfBilancio 2013

pdf Bilancio 2012

pdf Bilancio 2011

 

 

LincomAlvarez

 

La Paz, Tihuanaku (Bolivia) Lincoln Alvarez artista e scultore

Nella sua bottega Lincoln Alvarez realizza le sue opere su pietre e marmi locali antichi. Li intaglia come quelli originali, lasciando alcune differenze in modo da non voler fare delle copie “perfette” che gli ignari turisti potrebbero pensare autentiche. I sui lavori in pietra vengono venduti nella “Zona Sur”, il nuovo quartiere residenziale della città di La Paz, costruito seguendo l’immagine occidentale. Questo quartiere ha poco a vedere con la vera La Paz, ma attira molti turisti, boliviani con soldi e capitali stranieri. Lincoln Alvarez ha partecipato con interesse ai primi incontri esplicativi sul progetto SAYWA e pensa che se potesse partecipare sarebbe una buona occasione per formalizzare la sua micro impresa.

L’economia informale è una realtà immensa che assorbe oltre la metà della popolazione attiva mondiale e oltre il 90 per cento delle piccole e medie imprese — cifra che non tiene conto della miriade di microimprese nei paesi in via di sviluppo. Di conseguenza, per milioni di lavoratori e di unità economiche in tutto il mondo, le condizioni di lavoro sono scarse e non esistono i diritti sul lavoro. Bassa qualità dell’occupazione, protezione sociale inadeguata, scarsa governance e bassa produttività sono alcuni degli ostacoli incontrati dai lavoratori e dalle imprese intrappolate nell’informalità. In America Latina e nei Caraibi, la quota dell’occupazione informale non agricola è compresa tra il 39,8 per cento in Uruguay e il 75,1 per cento in Bolivia (fonte: ILO News).

Il programma FORLAC, lanciato dall’Ufficio regionale dell’ILO per l’America Latina e i Caraibi, ha realizzato un grosso lavoro di analisi in funzione del quale sono state formulate raccomandazioni strategiche e linee guida per facilitare la transizione dall’economia informale verso l’economia formale.

Con il progetto SAYWA, co-finanziato dal programma operativo della Commissione Europea EuropeAid all’interno del programma tematico triennale Investire nelle persone coordinato dalla Municipalità di Capachica (Perú) di cui TAMAT è partner insieme alla Municipalità di Tiahanuacu (Bolivia) e due associazioni peruviane: ACOFAPE e MALLKU e attraverso i beneficiari (donne, giovani e migranti di rientro) del fondo a cascata “abbiamo osservato un cambio di mentalità che ha facilitato la transizione verso la formalità”, commenta la presidente Patrizia Spada in missione in questi giorni in Bolivia e Peru.

Le attività di erogazione del “fondo a cascata” hanno come duplice obiettivo quello di consentire l’accesso a risorse finanziarie da parte di soggetti svantaggiati normalmente esclusi dai sistemi creditizi locali e dall’altro stimolare e incentivare uno sviluppo economico locale inclusivo e sostenibile attraverso la formazione, l’accompagnamento e il monitoraggio di tutte le attività e iniziative di micro-impresa e nelle filiere di artigianato, turismo di comunità e dei servizi dedicati all'ospitalità.

Il personale dell'Associazione ACOFAPE e dell’istituto MALLKU assistono e accompagnano  nell'implementazione delle attività con TAMAT a supporto del monitoraggio valutazione, e follow-up sulla valutazione dell’impatto sociale del progetto.

Usiamo cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.