pdf Bilancio al 31.12.2017

pdfCertiificazione Bilancio 2017

 pdfContributi Ricevuti dalle Pubbliche Amministrazioni Anno 2017

 pdfBilancio 2016

pdf Certificazione Bilancio 2016

pdf Bilancio 2015

pdf Certificazione Bilancio 2015

pdf Bilancio 2014

pdfBilancio 2013

pdf Bilancio 2012

pdf Bilancio 2011

 

cooperazioneLa Conferenza nazionale della cooperazione allo sviluppo: un momento di sintesi e stimolo per la società civile.

È iniziato questa mattina, presso l’Auditorium-Parco della musica (Roma), il primo dei due giorni di incontri dedicati alla Cooperazione italiana, dal titolo “Novità e futuro: Il mondo della Cooperazione Italiana”. Un appuntamento - organizzato dalla Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo (Dgcs) del ministero degli Esteri e dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics) - per “tirare le somme” ma anche per ripartire da nuovi stimoli.

un momento della conferenzaUn momento della Conferenza. 

Due giornate, in particolare, nelle quali è prevista la presentazione dei risultati dell’azione ordinaria tra ministero e organizzazioni non governative, ma non solo. In agenda è programmata anche la presentazione della diaspora, del settore privato e delle università, quali nuovi attori coinvolti dalla Cooperazione, perché, come dichiarato precedentemente dal ministro Alfano, “L’Italia vuole diventare sempre più protagonista della cooperazione internazionale” e “questo nuovo approccio vedrà in Africa un partenariato a tutto campo, dalla cooperazione allo sviluppo a quella in materia di sicurezza, includendo gli investimenti e la gestione delle migrazioni”.

Non potevamo mancare noi: impegnati nella cooperazione internazionale dal 1995 e convinti sostenitori dell’importanza del partenariato nella realizzazione di soluzioni di sviluppo sostenibile.

 

Foto1

L’inaugurazione del Centro di Formazione Polivalente di Loumbila (Burkina Faso). Da sinistra, Denisa Savulescu (capo-progetto RASAD per Tamat), la moglie del presidente Roch M.C. Kabore, il presidente del Burkina Faso Roch M.C. Kabore, Charlene e il Principe Alberto II di Monaco.

Seguono gli incontri la Presidente Patrizia Spada e Piero Sunzini, Direttore e responsabile per Tamat dei progetti in corso in Africa, tra i quali RASAD – Reti d’Acquisto per la Sicurezza Alimentare con il supporto della Diaspora burkinabè d’Italia, in Burkina Faso, finanziato da AICS e co-finanziato dalla Chiesa Valdese: un’iniziativa che investe di un ruolo attivo proprio la diaspora, uno dei temi principali della Conferenza.

 

 

 

Usiamo cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.