Home > cooperazione allo sviluppo in Africa > Conigli di LAPIN sette mesi dopo: direttore di Tamat a Tanlargo

Avviato nel febbraio 2021, il progetto “LAPIN – Sviluppo della filiera cunicola e dell’agro-ecologia familiare: iniziative di lotta contro l’insicurezza alimentare e l’esodo rurale in Burkina Faso” focalizzato sulla realizzazione di allevamenti di conigli, ha ufficialmente chiuso i battenti il ​​24 maggio scorso con il workshop di presentazione dei risultati, accolti con clamoroso successo.

il direttore di Tamat e la responsabile Paese in visita agli allevamenti di conigli del progetto LAPIN
Il direttore di Tamat Piero Sunzini e la responsabile Paese del Burkina Faso, Fabiola Bedini, in visita agli allevamenti di conigli del progetto LAPIN

Nonostante il progetto si sia concluso, le attività continuano sul campo con i beneficiari: 38 famiglie su 40 continuano a sviluppare il proprio allevamento di conigli, con il supporto tecnico dell’agronomo di Tamat e del partner locale l’associazione Manegdbzanga. I beneficiari, raggruppati in un’associazione, assicurano la continuità delle attività sul sito attraverso l’istituzione di un comitato di gestione. Il mangime per i conigli è prodotto in loco e venduto sia agli allevatori che beneficiano del progetto, che agli allevatori non partecipanti. Le vendite costituiscono un’importante risorsa finanziaria per il fondo dell’associazione.

Preoccupati per la sostenibilità del progetto, Tamat e il suo partner locale hanno creato strumenti che seguono regolarmente. È in questa dinamica che il direttore di Tamat, Piero Sunzini, ha approfittato del suo soggiorno a Ouagadougou per visitare il sito di Tanlargo e incoraggiare i beneficiari. Per quanto riguarda l’agroecologia, il direttore ha potuto vedere il lavoro che le donne stanno svolgendo in loco: preparare il terreno per la stagione secca, preparare i vivai, ecc.

Allevare conigli per sostenere la famiglia

Il direttore ha incoraggiato i beneficiari a continuare le attività sul sito al fine di aumentare il loro reddito. Soddisfatto del lavoro svolto, ha poi ribadito il suo impegno a sostenere i beneficiari il più possibile, sottolineando soprattutto l’importanza di rafforzare le sinergie tra il centro, dove continuano le sperimentazioni di incroci per il miglioramento della razza e la produzione di riproduttori migliorati, e le aziende agricole familiari per migliorare e aumentare la produzione.

Prima di congedarsi, il direttore ha visitato un allevamento di conigli di tipo tradizionale di un abitante del villaggio. Nonostante i pochi mezzi, i risultati sono comunque sorprendenti. Il direttore ha pertanto incaricato il comitato di gestione del sito, di erigere una casetta e sperimentare con questo tipo di allevamento. La ricerca darà certamente l’impulso necessario all’industria dei conigli.

allevamenti di conigli del progetto LAPIN
Una donna prepara il terreno per la semina futura

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi