Home > news > SEMINA: un progetto tra emergenza e sviluppo

Durante il mese di luglio il Direttore di TAMAT Piero SUNZINI ha compiuto la sua prima missione in Burkina Faso nell’ambito del progetto SEMINA. Essendo la situazione securitaria del paese sempre più incerta e instabile TAMAT ha deciso di realizzare le attività nella regione occidentale della Boucle de Mohoun, dove attualmente l’emergenza prioritaria è la gestione degli sfollati che arrivano dal Centro Nord del Paese ormai sempre di più assediato dai gruppi terroristi.

Piero SUNZINI, nel corso della missione ha potuto incontrare l’agronomo Ousmane KONE e l’animatore rurale Fulbert DABILGOU di TAMAT nell’ambito del progetto SEMINA, per condividere sia gli aspetti tecnici relativi alla produzione agro ecologica da realizzare nei siti di progetto, sia gli aspetti gestionali relativi ai rapporti con le autorità e i gruppi locali per una ottimale implementazione e acquisizione del progetto per una sostenibilità futura. Sono stati infatti sensibilizzati e coinvolti nel progetto non solo le associazioni e i gruppi degli abitanti dei villaggi ma anche i servizi dell’agricoltura dei comuni di Toma e Tougan affinché si possa avere una presa in carico dei risultati del progetto, anche oltre la scadenza del finanziamento.

Una riunione online con Serge PARE, presidente dell’Associazione Kaouantokale del Comune di Toma è stata realizzata per manifestare la volontà di TAMAT di essere presente nella Boucle de Mohoun accanto alla popolazione locale in questo delicato momento, dove alle problematiche di insicurezza alimentare già presenti si sono aggiunte le criticità securitarie e emergenziali legate alla grande presenza degli sfollati, che di certo non facilitano la gestione urbana.

Durante la missione è stata organizzata anche una riunione con la responsabile emergenza AICS Ouagadougou Veronica MARCON, con la presenza di Eugenio ATTARD di Mani Tese, partner di progetto SEMINA, in collegamento con la responsabile di AICS Dakar per condividere le varie prassi di sicurezza messe in campo da TAMAT e Mani Tese in Burkina Faso.

Pertanto, tale missione, seppur non ha consentito il sopralluogo di Piero SUNZINI dei siti di progetto ha consentito l’incontro con i vari attori chiave nella realizzazione del progetto che fa ben sperare in una buona realizzazione delle attività e nel raggiungimento degli obiettivi previsti nonostante le criticità che via via sono intervenute nel quadro generale de progetto.

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi