Home > news > Sahel, frontiera calda dell’Africa

Venerdì 22 gennaio 2021, ore 18.00 -19.30

Webinar di approfondimento su Burkina Faso e Mali tra migrazioni, terrorismo, pandemia, insicurezza, cooperazione allo sviluppo

Iscriviti gratis

Conducono

Da Milano, Marco Trovato (direttore editoriale della Rivista Africa)

Da Roma, Massimo Zaurrini (direttore responsabile di Africa & Affari)

  • Colpo d’occhio sulla regione: instabilità, crisi economica, migrazioni e pandemia a cura di InfoAfrica
  • Sahel, confine Sud dell’Europa? Nicola Pasini,  Fondazione ISMU – Università degli Studi di Milano
  • La crescente minaccia jihadista Lori-Anne Théroux-BénoniInstitute for Security Studies (ISS) – direttrice dell’Ufficio Regionale per l’Africa Occidentale, il Sahel e il Bacino del Lago Ciad
  • Burkina Faso, tra terrorismo, resilienza e sete di riscatto Denisa Savulescu, cooperante, responsabile del progetto RASAD
  • La sicurezza alimentare per lo sviluppo economico e sociale Piero Sunzini, Direttore Tamat NGO
  • Strategie di cooperazione in Mali e Burkina: il ruolo delle diaspore e delle comunità di base per un vero sviluppo. Emanuela Del Re Vice Ministra agli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale.
  • La pandemia nel Sahel. Gli effetti del Coronavirus nella regione e le azioni intraprese per rispondere all’emergenza socio-sanitaria. Rokia Sanogo, capo dipartimento medicina tradizionale in Mali, membro della commissione anti-Covid
  • Cosa resta dell’eredità di Thomas Sankara? La risposta della politica alle sfide dell’attualità Florentin Tougouma, giornalista burkinabé
  • Convivere con l’insicurezza e costruire la stabilità. Analogie e differenze tra la situazione in Burkina Faso e in Mali. Mahamoud Idrissa Boune Presidente dell’alto consiglio dei Maliani d’Italia
  • Dibattito e Conclusioni interventi/domande dal pubblico

Per partecipare gratuitamente al webinar compila il modulo di iscrizione: riceverai il link di Zoom per collegarti e intervenire.

Evento a cura della Rivista Africa all’interno del Progetto Rasad, capofila Tamat NGO, finanziato da Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) .

Realizzazione a cura di

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi